Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Gabinetto Fotografico Nazionale 41.886217, 12.476377 Gabinetto Fotografico Nazionalevia di San Michele 18, Roma, RM (Indicazioni stradali)

Gabinetto Fotografico Nazionale

E-mail

ic-cd.gfnserviziofruizione@beniculturali.it

Regione

Lazio

Provincia

Roma

Comune

Roma

Indirizzo

via di San Michele, 18

Definizione

archivio

Tipologia

istituzionale

Consistenza

1.000.000-5.000.000

Descrizione e composizione

I principali nuclei di cui si compone l'archivio del Gabinetto fotografico nazionale sono: - Archivio GFN: circa 220.000 negativi in bianco e nero, i positivi corrispondenti alla maggior parte dei negativi e 35.000 fotocolor, provenienti dalle campagne fotografiche del Gabinetto fotografico nazionale effettuate dal 1895 al 2005. - Archivio MPI: circa 150.000 positivi provenienti dall’archivio fotografico della Direzione generale antichità e belle arti del Ministero della pubblica istruzione, raccolti in un arco cronologico che va dal 1870 al 1975. - 87 fondi fotografici, acquisiti a vario titolo, provenienti da collezionisti, istituzioni e fotografi per un totale di circa 700.000 unità tra positivi e negativi. - Campagne contemporanee di documentazione: circa 23.000 immagini digitali realizzate dal 2005 ad oggi dai fotografi del GFN. - Più recentemente, a partire dal 2011, sono stati acquisiti fondi di fotografia contemporanea provenienti dalle mostre realizzate dall'Istituto. Nel patrimonio sono presenti non solo le tecniche di ripresa e di stampa più diffuse, ma anche esempi di più rare modalità di realizzazione dei fototipi. Per consistenza e per storia l’archivio conserva una notevole varietà di soggetti, di autori, anche stranieri, e di ambiti di produzione che procedono dalla più esplicita pratica documentativa all’uso del mezzo sul versante della ricerca artistica. Nell’insieme si delinea una storia della fotografia in Italia, che assume il peculiare punto di vista di una istituzione pubblica, come il GFN, nella sua evoluzione e sedimentazione dal 1895 in poi.

Ordinamento

topografico, numerico, alfabetico, tematico

Collegamento alla scheda descrittiva del sistema di provenienza

-

Condizione giuridica

proprietà ente pubblico

Cronologia produzione

1842 / 2018

Cronologia formazione

1895 / -

Produttori

ICCD-Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo / Ministero della pubblica istruzione

Soggetti

Documentazione del patrimonio culturale
Documentazione del patrimonio archeologico
Documentazione del patrimonio architettonico
Documentazione del patrimonio etnoantropologico
Paesaggio
Documentazione del patrimonio storico artistico
Eventi storici
Ritrattistica
Guerra
Vita quotidiana
Natura

Autori

GFN (Gargiolli, Giovanni-Carboni, Carlo); ICCD; Valenziani, Enrico; Nunes Vais, Mario; Morpurgo, Luciano; Crescente, Severino; Viggiano, Augusto; Savio, Oscar; Papa, Sebastiana; Maraini, Fosco; Guidi, Guido; Le Lieure, Henri; Gioja, Edoardo; Cisterna, Eugenio; Bombelli, Girolamo; Andrè, Tony; Michetti, Francesco Paolo; Caneva, Giacomo; Lecchi, Stefano; Macpherson, Robert; Belli, Filippo; Simelli, Carlo B.; Lais, Filippo; Bernoud, Alphonse; Mang, Michele; Moscioni, Romualdo; Fratelli Alinari; Brogi, Giacomo; Vasari; James e Domenico Anderson; Fratelli D’Alessandri; Altobelli e Molins; Sommer & Behles; Suscipj, Lorenzo; Montabone, Luigi; Tuminello, Lodovico; Cuccioni, Tommaso; Naya, Carlo; Poppi, Pietro; Rive, Robert; Sommer, Giorgio; Beato, Felice; Bourne, Samuel; Bonfils, Felix; Chauffourier, Gustave E.; Fenton, Roger; Robertson, James

Data redazione

2016

Note

Il Gabinetto Fotografico Nazionale nasce per iniziativa dell’ing. Giovanni Gargiolli (1839–1913) che diventa nel 1893 direttore del Laboratorio di fotoincisione della Regia Calcografia e, successivamente, del Gabinetto Fotografico presso l’Ufficio regionale per la conservazione dei monumenti delle province di Aquila, Roma e Chieti, costituito nel 1895. Questa data segna di fatto la nascita del GFN, la prima istituzione pubblica demandata alla documentazione fotografica del patrimonio culturale della nazione. Il Gabinetto Fotografico assume la sua definitiva forma istituzionale nel 1913 (R.D. 15 agosto 1913, n. 1139).
Nella sua lunga storia ha svolto una importante lavoro di ripresa su tutto il territorio italiano, effettuando parallelamente la vendita delle fotografie. Dai primi anni del Novecento inizia anche l’ininterrotta attività di acquisizione di fondi fotografici che costituiscono, insieme alla produzione dei fotografi del GFN, l'attuale patrimonio fotografico dell'archivio. Nel 1923, il Gabinetto Fotografico diventa ‘Nazionale’. Pochi anni dopo, le sue raccolte fotografiche vengono consegnate all’Istituto L.U.C.E., dove rimarranno fino al 1943.
Nel dopoguerra l’attività riprende e nel 1958 viene fondata la sezione distaccata dell’Aerofototeca.
Con l’istituzione del Ministero per i beni culturali e ambientali, nel 1975, nasce l’attuale ICCD che unisce il GFN con l’Ufficio catalogo e l’Archivio fotografico della D.G. antichità e belle arti del Ministero della Pubblica Istruzione. Nel nuovo Istituto, suddiviso in vari settori, proseguono le consolidate attività istituzionali di rilievo nazionale; al suo interno viene costituito nel 1997 anche il Museo/Archivio di fotografia storica. Con l’attuale assetto, che risale al 2011, patrimonio e attività sono stati organizzati in un unico settore ristabilendo il nome storico di Gabinetto Fotografico Nazionale.

    • Targa del Gabinetto fotografico, CC BY-SA
    • Ritratto di Giovanni Gargiolli, fondatore del Gabinetto fotografico nazionale, CC BY-SA