Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Fondo Riccardo Carbone 1923 - 1973 40.846956, 14.249193 Fondo Riccardo Carbone 1923 - 1973via Toledo 406, Napoli, NA (Indicazioni stradali)

Fondo Riccardo Carbone 1923 – 1973

E-mail

associazionericcardocarbone@gmail.com

Regione

Campania

Provincia

Napoli

Comune

Napoli

Indirizzo

via Toledo 406

Definizione

archivio

Tipologia

fotogiornalistico

Consistenza

100.000-500.000

Descrizione e composizione

Il fondo è composto da circa 500 mila negativi fotografici, oltre ad alcune migliaia di stampe e lastre di vetro. I negativi in vari formati (35 mm, 120 e lastre medio formato) sono conservati in buste contenute in scatole numerate in modo progressivo. In alcuni casi i negativi risultano ancora arrotolati ed avvolti in un foglio con indicato il numero del servizio fotografico. Per i primi anni d’attività (anni ’20-’30) i negativi sono andati dispersi e sono rimaste solo le stampe (circa 2000), mediamente nei formato 6x9, 13x18 o 18x24 e circa 2000 lastre fotografiche in vetro. L’ordinamento dell’archivio è facilitato dalla presenza di quaderni manoscritti dallo stesso fotografo, con gli indici dei servizi fotografici. Questi mezzi di corredo forniscono le indicazioni sui contenuti di una parte consistente del fondo, poiché per ogni servizio fotografico sono indicati la data, il luogo e l’avvenimento rappresentato, oltre al numero della scatola e della busta.

Ordinamento

cronologico

Collegamento alla scheda descrittiva del sistema di provenienza

-

Condizione giuridica

proprietà ente privato

Cronologia produzione

1923 / 1973

Cronologia formazione

1923 / 1973

Produttori

Riccardo Carbone, nacque a Napoli il 17 aprile 1897. Originario del quartiere Mercato, è stato uno dei pionieri del fotogiornalismo partenopeo e per circa cinquant’anni ha tenuto la città dentro il suo obiettivo. La sua carriera da fotoreporter iniziò negli anni Venti. Alla fotografia si era avvicinato non molto tempo prima. Era una passione che coltivava nel periodo in cui studiava chimica all’università di Napoli. Il percorso universitario di Carbone si interruppe al terzo anno. Da lì in avanti, il suo rapporto con la fotografia divenne ancora più profondo, passando da semplice interesse a cui dedicarsi da amatore a lavoro vero e proprio con l’inizio della collaborazione con “Il Mattino”. L’arrivo di Carbone portò una ventata di novità sulle pagine del giornale. L’attenzione e la considerazione per l’immagine come documento fondamentale per accompagnare ed ampliare il racconto giornalistico aumentò vertiginosamente e gli spazi per le fotografie di Carbone si moltiplicarono. Divenne così di fatto il fotoreporter di riferimento per il quotidiano. Agli eventi veniva accreditato come “giornalista” e si guadagnò, secondo alcune fonti, perfino «la qualifica inedita di “redattore fotografo”, un incarico unico a Napoli, che ricoprirà fino al 1970.
L’attività di Carbone si bloccò per circa due anni, tra il 1943 e il 1944, per gli effetti della Seconda Guerra Mondiale. Riprese nel 1945. Nel frattempo, “Il Mattino” aveva sospeso le pubblicazioni e Carbone iniziò a collaborare con un nuovo giornale cittadino, “Il Risorgimento”. La collaborazione con “Il Mattino” ricominciò nel 1950, con il ritorno in edicola del quotidiano. La fine della Seconda Guerra Mondiale lasciò in eredità una Napoli dilaniata, non solo dai bombardamenti e dagli scontri bellici, ma anche sotto il profilo sociale. Il lavoro di Carbone continuò negli anni del dopoguerra, ma senza l’oppressione del regime ebbe l’opportunità di allargare il proprio orizzonte e il proprio sguardo.
Fu dopo questo periodo che prese slancio la fotoagenzia “Napoli”, in cui Carbone allevò un gruppo di ragazzi destinati ad entrare nella storia del fotogiornalismo partenopeo. Tra questi, Giacomo Di Laurenzio, Guglielmo Esposito, Franco Pappalardo, Mario Siano. Nelle immagini sfilerà la Napoli del boom economico e della speculazione edilizia. Il percorso professionale di Carbone a “Il Mattino” andò avanti fino al 1970. Continuò però a fare il fotoreporter per tre anni ancora. Morì a Napoli, a 76 anni, nel dicembre 1973.

Soggetti

Cronaca

Autori

Riccardo Carbone

Data redazione

2019

    • Riccardo Carbone, Incensatore portafortuna all'ingresso dello stadio Arturo Collana, 10/01/1954, gelatina bromuro d'argento / pellicola poliestere, CC BY-SA
    • Riccardo Carbone, Scugnizzi appesi al tram, 22/07/1950, gelatina bromuro d'argento / pellicola poliestere, CC BY-SA
    • Riccardo Carbone, Stadio Arturo Collana, partita di calcio Napoli - Juventus, 23/12/1956, gelatina bromuro d'argento / pellicola poliestere, CC BY-SA
    • Riccardo Carbone, Il principe del Giappone Akihito in visita al Parco archeologico di Pompei, 10/07/1953, gelatina bromuro d'argento / pellicola poliestere, CC BY-SA
    • Riccardo Carbone, Ernest Hemingway arriva a Napoli, 08/06/1954, gelatina bromuro d'argento / pellicola poliestere, CC BY-SA
    • Riccardo Carbone, Marcello Mastroianni all'imbarco degli aliscafi, 20/08/1963, gelatina bromuro d'argento / pellicola poliestere, CC BY-SA
    • Riccardo Carbone, Funicolare di Mergellina nel 1949, 1949, gelatina bromuro d'argento / vetro, CC BY-SA
    • Riccardo Carbone, Scugnizzi, 10/06/1963, gelatina bromuro d'argento / pellicola poliestere, CC BY-SA