Caricamento delle mappe in corso - restare in attesa...

Soprintendenza di Catania, Archivi fotografici 37.506691, 15.090765 Soprintendenza di Catania, Archivi fotograficiVia Luigi Sturzo 62, Catania, CT (Indicazioni stradali)

Soprintendenza di Catania, Archivi fotografici

Indirizzo web

-

E-mail

-

Regione

Sicilia

Provincia

Catania

Comune

Catania

Indirizzo

Via Luigi Sturzo, 62

Definizione

complesso di fondi

Tipologia

istituzionale

Consistenza

100.000-500.000

Descrizione e composizione

I principali nuclei di cui si compone il patrimonio documentale fotografico custodito dalla Soprintendenza di Catania hanno origine dalla suddivisione in aree tecniche dello stesso Istituto di tutela. In particolare, il materiale più antico è costituito da 972 lastre su vetro che documentano prevalentemente il patrimonio monumentale, da 15.000 negativi su pellicola b/n e da circa 12.000 positivi nei diversi formati. Parte del patrimonio di questa sezione risale al 1939, con l’istituzione della Soprintendenza ai Monumenti della Sicilia Orientale di Catania; successivamente con la nascita delle Soprintendenze uniche regionali (1 novembre 1986) l’originario nucleo fotografico si è ampliato acquisendo parte della documentazione fotografica prodotta dalle diverse sezioni scientifiche e quello proveniente dalla sistematica attività di catalogazione condotta a partire dagli Anni Ottanta del Novecento, attività che ha prodotto oltre 18.000 fotografie allegate a schede di catalogo, nelle diverse tipologie e livelli, sino al 2006 prodotte in formato analogico. I successivi nuclei fotografici di competenza delle diverse aree disciplinari, risalgono al 1987 circa. Il secondo nucleo è relativo al patrimonio archeologico ed è costituito da circa 51.000 stampe e 540 negativi b/n e colore; ha inoltre circa 12.000 immagini digitali relative a siti archeologici, campagne di scavo, reperti, procedure di vincolo e sequestri. Un terzo nucleo è quello afferente il patrimonio storico artistico e monumentale, costituito da oltre 17.000 immagini digitali che documentano edifici, collezioni pubbliche e private, patrimonio ecclesiastico, procedure di vincolo, furti e restauri di opere d’arte e monumenti. Un quarto nucleo è relativo alla documentazione fotografica di aree naturalistiche di particolare interesse, paesaggi naturali e urbani, patrimonio architettonico legato ad attività produttive e a oggetti e riti della tradizione popolare (beni demo-etnoantropologici). E’ costituito da oltre 10.500 immagini in formato digitale. Il quinto nucleo è costituito da oltre 22.000 immagini digitali, ed è relativo alle procedure di conoscenza, tutela, restauro e vincolo del patrimonio bibliografico manoscritto e a stampa, di documenti di varia natura custoditi presso biblioteche pubbliche, case d’artisti, scrittori e studiosi del territorio. Di particolare pregio la documentazione fotografica relativa ad ambienti, opere e cimeli dei principali scrittori veristi catanesi.

Ordinamento

topografico, alfabetico, tematico

Collegamento alla scheda descrittiva del sistema di provenienza

-

Condizione giuridica

proprietà ente pubblico

Cronologia produzione

1939 / -

Cronologia formazione

1939 / 2019

Produttori

Regione Siciliana, Assessorato dei beni culturali e identità siciliana; Ministero della Pubblica Istruzione

Soggetti

Libri a stampa e manoscritti
Paesaggio
Guerra
Documentazione del patrimonio storico artistico
Documentazione del patrimonio etnoantropologico
Documentazione del patrimonio architettonico
Documentazione del patrimonio archeologico

Autori

Personale della Soprintendenza di Catania; Gabinetto fotografico della Regia Soprintendenza; Giovanni Crupi; Edizioni Brogi; Stabilimento Anderson

Data redazione

2019

Note

Il patrimonio fotografico custodito dalla Soprintendenza di Catania ha origine nel 1939, quando su iniziativa del Ministro Bottai l’architetto Pietro Gazzola (1908-1979) viene incaricato di fondare e dirigere la Soprintendenza ai Monumenti della Sicilia Orientale, con sede a Catania. Da quel momento in poi, sino all’applicazione della riforma della L.R. 80/1977 (avvio del funzionamento delle Soprintendenza a novembre 1986) confluiranno sulla giovane istituzione progetti e documenti relativi al patrimonio architettonico e monumentale delle attuali province di Ragusa, Siracusa, Enna, Catania e Messina.
L’attuazione del nuovo programma ministeriale porterà a Catania, con il primo Soprintendente Pietro Gazzola, anche parte della documentazione più antica sul patrimonio monumentale dell’Isola, soprattutto corrispondenza, prodotta nel tempo dall’Ufficio regionale per la conservazione del monumenti (1891) e dalla Soprintendenza ai Monumenti e Scavi (1907). Alcune lastre fotografiche, parte della sezione più antica, documentano il ruolo impegnativo dell’Istituzione all’esordio del Secondo Conflitto Mondiale; mostrano opere provvisorie per la protezione del patrimonio sottoposto ai bombardamenti, documentano il patrimonio architettonico in previsione di potenziali programmi di ricostruzione edilizia e riferiscono sui danni prodotti dalla Guerra.
Con l’attuazione della legge Regionale n. 80 del 1977 le Soprintendenze uniche regionali, per i beni culturali ed ambientali avranno competenza in ambito provinciale sostituendo, a tutti gli effetti, le Soprintendenze ministeriali trasferite alla Regione ai sensi dei decreti del Presidente della Repubblica 30 agosto 1975, numeri 635 e 637.
Il materiale documentale e fotografico custodito dalla Soprintendenza di Catania viene progressivamente ridistribuito nelle diverse sedi di competenza.
Nell’attuale assetto il patrimonio fotografico della Soprintendenza, spesso integrato a fascicoli relativi a lavori, è ordinato, gestito e custodito dalle diverse Sezioni competenti

    • Catania, Chiesa di San Nicolò l'Arena, presbiterio, CC BY-ND
    • Sant'Alfio (CT), Castagno dei Cento Cavalli, CC BY-NC-ND
    • Catania, Ritrovamenti in via Santa Barbara, absidi, post 1939, CC BY-NC-ND
    • Giovanni Crupi, Catania, Teatro Greco, CC BY-NC-ND
    • Catania, Gabinetto fotografico della Regia Soprintendenza, post 1939, CC BY-NC-ND
    • Aci Castello (CT), Faraglioni di Aci Trezza, CC BY-NC-ND
    • Catania, Cattedrale, Cappella di Sant'Agata, protezione antiaerea, ante 1943, CC BY-NC-ND
    • Stabilimento D. Anderson, Catania, Chiesa di San Nicolò (1693), CC BY-NC-ND
    • Stabilimento Anderson, Catania, Portale della Chiesa del Santo Carcere, CC BY-NC-ND
    • Randazzo, Castello, xx secolo circa, CC BY-NC-ND